Sai come potare alberi da frutto? Mettiamo a tua disposizione la nostra esperienza e le nostre conoscenze nel mondo delle potature per aiutarti. Contattaci per avere tutte le informazioni di cui hai bisogno e per ricevere una consulenza telefonica sui nostri servizi.

La scelta del tipo di potatura da eseguire dipende moltissimo dal tipo di pianta che andiamo a trattare, dalla sua età e dal periodo dell’anno. Vediamo quali sono le tecniche principali:

  • Potatura secca

Si divide a sua volta in due tipologie diverse in base all’età della pianta: potatura di formazione e potatura di produzione:

  • Potatura di formazione: si pratica nei primi anni di vita della pianta e ha diversi obiettivi, tra cui favorire la crescita equilibrata, funzionale ed esteticamente gradevole della pianta e garantire una produzione di rami robusti e distanziati tra loro, che producono fiori e frutti uniformemente distribuiti sui rami stessi. Il periodo migliore è tra febbraio e marzo, cercando di evirare i giorni più freddi.
  • Potatura di produzione: si effettua sulla pianta adulta e ha come obiettivo la gestione e il miglioramento della produzione, assicurando un corretto equilibrio fra produzione e vegetazione.
  • Potatura verde

Consiste nella potatura estiva che consente una maggiore esposizione alla luce del sole di tutti quei fiori che risultano ombreggiati, in modo da favorire una buona esposizione al sole di tutti i rami fruttiferi.

Come cicatrizzare un taglio

Come potare alberi da frutto

  • Come potare ulivi

La potatura dell’ulivo si esegue sempre dall’alto verso il basso, in direzione opposta rispetto alla gemma. La chioma deve essere sempre equilibrata: partire dalle branche più grosse per poi passare a quelle più piccole. Negli ulivi maturi le potature devono essere mirate e frequenti.

  • Come potare pesco

Di solito il periodo migliore è il mese di febbraio ma dipende dal clima locale. Si potano sempre prima gli alberi più vecchi e poi quelli più giovani. Non si pratica mai durante o subito dopo il periodo di fioritura: meglio potare quando si pianta o nella primavera seguente.

  • Come potare kiwi

Con la potatura secca bisogna rinnovare il più possibile i tralci produttivi, scegliendo quelli da lasciare e cimandoli soltanto. I tralci devono essere esposti al sole, quindi evitiamo zone di affastellamento di rami. Le piante maschili devono essere potate in modo più leggero rispetto a quelle femminili.

  • Come si pota la vite

Possiamo potare la vite con la tecnica del cordone permanente – ossia si tagliano i tralci cortissimi da quello principale da cui si producono i grappoli – o con la tecnica del tralcio di rinnovo, grazie alla quale si producono nuovi capi a frutto, da cui si origineranno nuovi grappoli.

  • Come potare un fico

In primavera interveniamo con la potatura di produzione sfoltendo ramificazioni affastellate. Con la potatura verde programmiamo la produzione di frutti: rimuoviamo le gemme all’apice per stimolare la germogliazione. Alla fine dell’inverno accorciamo di un terzo i rami produttivi, stimolando una nuova germogliazione.

  • Come potare i meli

Quando potiamo un melo dobbiamo diradare i rami di un anno lasciando però la giusta quantità che sia in grado di garantire la fruttificazione l’anno successivo. Poi spuntiamo i rami produttivi e, se necessario, li accorciamo. Procedere con i tagli di ritorno per rigenerare la vegetazione del melo.

  • Come potare pero

L’obiettivo della potatura di produzione è quello di rinnovare le ramificazioni a frutto. Il periodo più indicato per la potatura di produzione è quello della ripresa vegetativa, quando le gemme a legno non si sono ancora aperte. Si accorcia la punta dell’asse centrale e delle branche. Eliminiamo poi i rami che fanno concorrenza.

Contattaci gratuitamente

 
 
CHIAMA SUBITO 0694801968
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

0694801968